this one time, at band camp

Ho deciso di scrivere un post, e davvero, non ho idea di cosa scrivere.
Allora perché scrivi? Perché ci sono così tante cose, che se non mi viene niente da scrivere è solo perché il mio cervello è pigro, perché è impossibile che io non abbia nulla da dire in un periodo del genere.

Vincere essendo parte di una squadra di vincenti mi spaventa, ma a quanto pare è l’unico modo per uscire a testa alta da questa vita, quindi proviamoci, per quanto più muovi passi verso l’aria aperta e la luce, tanto più ti rendi conto quanto fosse comoda l’oscurità, il caldo abbraccio della mediocrità e di tutte le sue componenti.

Mi piacerà, un giorno, tornare indietro, e prendere a forza delle cose che sto lasciando indietro, ma non credo di esserne in grado oggi. E la cosa adorabile è che oltre al fatto che non riuscirei, c’è questa cosa bellissima: non ne ho voglia.
Non ho più voglia di spiegare alla gente perché sta buttando via la propria vita, non finché non avrò la mia vita capolavoro, e c’è ancora tanta strada da fare, per quanto io sia già nella strada giusta

E poi mi viene in mente quella volta che ho conosciuto quella ragazza, e a guardarla mi venivano in mente questi versi “If you’re going to San Francisco, be sure to wear some flowers in your hair”.

E poi mi viene anche da dire che questo blog da diventando un po’ una pigna in culo, con tutto questo parlare di quanto io stia facendo cose e quanto io stia aspettando la persona giusta. Infatti, non va bene per niente. Adesso, poi, da domani, da stasera, si torna a parlare di cose serie.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a this one time, at band camp

  1. beatricemargherita ha detto:

    “Mi sono innamorato. O meglio, credo”
    potrebbe essere il titolo del tuo prossimo post!?
    🙂 buona giornata

  2. blunotturno ha detto:

    Già, sarebbe proprio un titolo interessante, e presupporrebbe un sacco di cose interessanti. Ho paura che il titolo sarà :”mio dio ma quando passa questo male alle gambe”, purtroppo 🙂

    Sarebbe carino tipo un romanzo in cui una persona riesce a vedere nel futuro, ma solo il titolo del post del blog che apre il giorno dopo. O un telefilm.

  3. Cose da Blog ha detto:

    Qual è il premio di una squadra di vincenti?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...