E poi c’era questa ragazza.

Non so bene come sto oggi, ho un sacco di pensieri per la testa che suonano il clacson e fanno confusione e non sanno dove e come andare e perché dovrebbero andarci.

Il focus ci sarebbe, è l’obiettivo che cambia troppo spesso per essere considerato realmente un obiettivo. E in momenti come questo mi viene in mente quella ragazza che viveva in quel paesino, che salutava i passanti e sorrideva, malgrado tutta quella complicata matassa di emozioni che ha dentro. E quella sera vicino al lago, che poi che paura quella brutta gente che ti guarda, che si avvicina, che gira per avvicinarsi, e tu non sei altro che lì, a lanciare sassi nell’acqua “guarda il mio ha rimbalzato” “non è vero” e tu che ridi e che senti che se volessi quella cosa potrebbe, ma dovresti volere. 

Poi hai paura, e la paura fa da schermo e chiude le entrate e le cose finiscono. 

Una nottata strana, certo, che ha portato in qualche modo ad oggi. Però non lo so, a volte mi succede una cosa, ma devo sentirmi molto solo, mi succede che mi viene in mente quella canzone degli Eels, in cui Mr.E canta “Right now youre the only friend I have in the world. And I just cant take how very much. Goddamn I miss that girl.

E niente, è solo un momento, poi passa. Poi sbiadisce l’immagine, e mi mancano solo i monti, l’acqua, i sassi, e qualcuno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...