Archivi categoria: racconti

7.37

Che giornata era per Andrea Serviglia? Una giornata come le altre. Che iniziò come tutte le altre. La sveglia che suona alle 7.37, precise, Andrea che la fissa e controlla se oggi le sia stato donato il superpotere della manipolazione … Continua a leggere

Pubblicato in amore, racconti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Gabriele e il dopo sbronza.

Gabriele, cioè io. Che mi sono seduto nel letto, subito dopo essermi svegliato. E ho ruttato. Gola secchissima. Ricostruisco con calma la giornata di ieri. Come sono finito in questo stato? Cerco la bottiglia d’acqua vicino al letto senza guardare … Continua a leggere

Pubblicato in racconti, Riflessioni | Lascia un commento

I cambiamenti.

Fin da piccino quando scrivo qualcosa ho sempre scritto “commedie” nel senso Dantesco del termine. Qualcosa che parte dalla tragedia(Inferno) per giungere poi a un lieto fineParadiso). E mi ritrovo in difficoltà a non capire perché, forse per una questione … Continua a leggere

Pubblicato in racconti, Riflessioni, Unapaginaalgiorno | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Coinvolgimento emotivo.

Gabriele Protagonisti si sveglia nel suo letto a righine e fissa il soffitto. -Mi lasci in pace? Chiede Gabriele Protagonisti al soffitto. Perché oggi è un po’ così Gabriele, deve dar la colpa a qualcuno. E si sveglia che è … Continua a leggere

Pubblicato in racconti, Riflessioni, Unapaginaalgiorno | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Il giorno del mio matrimonio (20.02.2012)

Oggi Gabriele Protagonisti si alza dal letto a l’una di notte dopo una non troppo riposante dormita: accade di non fare riposanti dormite quando hai un fratello e una mamma così amanti, rispettivamente, del canto e della comunicazione interplanaria senza … Continua a leggere

Pubblicato in racconti | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

La parte uno di una cosa che non avrà una parte due.

Punpun in cucina. “Lasciami stare, dai, almeno per adesso”, ma poi invece anche mentre mi alzo dalla sedia c’è questa voce insistente nel mio orecchio sinistro: non è proprio una voce vera, proviene dalla mia testa. La cucina  è un … Continua a leggere

Pubblicato in racconti | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il treno.

Duplo osservava il treno avvicinarsi e rifletteva sull’effettiva utilità del regalo di sua zia Petunia, un upgrade al suo abbonamento mensile del treno per il mese di Marzo: da quel giorno per tutto il mese sarebbe tornato a casa dall’università … Continua a leggere

Pubblicato in Musica, racconti, sociale | Contrassegnato , , | Lascia un commento